1708 - I.SAM.IV - Historiae celebriores Veteris [-Novi] Testamenti iconibus repraesentatae et ad excitandas bonas meditationes selectis epigrammatibus exornatae

1708 - I.SAM.IV - Historiae celebriores Veteris [-Novi] Testamenti iconibus repraesentatae et ad excitandas bonas meditationes selectis epigrammatibus exornatae - - Johann Christoph Weigel

Descrizione

Historiae celebriores Veteris [-Novi] Testamenti iconibus repraesentatae et ad excitandas bonas meditationes selectis epigrammatibus exornatae

 

 

 

Noribergae. [Christopher Weigel], 1708?

 

32 cm x 21 cm l’incisione. 43 cm x 28 cm l’intero foglio. Ogni tavola è composta da un quadro che illustra il passaggio biblico dichiarato, con poesie didattiche in Latino e Tedesco. La maggior parte delle incisioni sono firmate con il nome dell'incisore a sinistra, il nome dell'editore a destra.

Buone condizioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La quasi totalità delle incisioni del Volume sono state concepite da Caspar Luyken (Amsterdam, 1672-1708) che, dal 1698, ha lavorato a fianco di Weigel nel suo laboratorio. Altri incisori sono anche coinvolti nelle scene del Nuovo Testamento, tra cui il padre di Caspar Luyken, Jan (Amsterdam, 1652-1712), discepolo del pittore Martinus Saeghmolen, e anche P. Decker e Francesco Antonio Meloni (Bologna 1676 - Vienna, 1713).  Quest’ultimo allievo di Paderna, Monti e Franceschini, nonostante si sia formato come pittore, Meloni dedicò parte della sua vita solo all'incisione.

 

Johann Christoph Weigel , noto come Christoph Weigel the Elder (9 novembre 1654-5 febbraio 1725), era un incisore tedesco , commerciante d'arte ed editore. Morì a Norimberga , all'età di 70 anni.

Jan Luyken, o Johannes Luiken (Amsterdam, 16 aprile 1649 - Amsterdam, 5 aprile 1712), litografo e poeta olandese il cui lavoro spazia dalle canzoni d'amore edonistiche alla poesia religiosa introspettiva. Da giovane, Luyken pubblicò De duyste lier (1671; "German Lyric"), un volume di poesie erotiche. Si sposò nel 1672 e fu battezzato nella chiesa battista l'anno successivo. Influenzato dagli scritti del mistico tedesco Jakob Böhme , Luyken abbracciò il cristianesimo pietistico. Ha lavorato come illustratore di libri ma è diventato sempre più ascetico e ha iniziato a ritirarsi dalla società. La sua poesia successiva, tra cui Jezus en de ziel (1678; "Jesus and the Soul"), è stata ispirata dalla sua visione mistica della vita. Luyken lasciò Amsterdam nel 1699 ma tornò nel 1705. Morì in povertà.

Caspar Luyken (1672-1708) era il maggiore dei cinque figli nati da Jan Luyken e Maria de Ouden. Sfortunatamente, è stato l'unico a raggiungere l'età adulta. Tutti gli altri bambini sono morti in tenera età. Caspar ha imparato il mestiere di illustratore di libri da suo padre. All'età di circa sedici anni, era abbastanza abile da aiutare suo padre con le incisioni. Le sue prime illustrazioni sono apparse nel libro Romeynschen Adelaer (1689) di Dirck Pietersz. Pers. Da quel momento, padre e figlio hanno lavorato insieme. Una volta che Caspar ha iniziato per se stesso, ha preferito lavorare per altri clienti rispetto a suo padre. Ma ha fatto un'eccezione per Jan ten Hoorn, il più grande cliente di suo padre. Sia Caspar che Jan Luyken hanno continuato a lavorare per lui.
Probabilmente Caspar partì per la Germania nel 1699. Qui lavorò principalmente per l'incisore e il commerciante d'arte Christoph Weigel a Norimberga. Una delle principali pubblicazioni di Weigel è il cosiddetto Ständebuch del 1698, con stampe di oltre 200 lavori artigianali, molti dei quali erano già illustrazioni tratte da Het Menselyk Bedrijf, ma anche i Luykens ne fecero alcune appositamente per questa pubblicazione.
Nel 1704, Caspar tornò nei Paesi Bassi, con grande gioia di suo padre. L'anno seguente, sposò Maria Elisabeth van Aken, con la quale ebbe un figlio di nome Jan. Poco dopo la nascita di suo figlio, il destino colpì di nuovo la famiglia Luyten: Caspar si ammalò e morì. Il 4 ottobre 1708 fu sepolto nella Cappella Nieuwezijds di Amsterdam. Padre Jan ha scritto una poesia sulla morte del suo unico figlio sopravvissuto. Questa poesia si trova nel libro degli emblemi Zedelijke en stichtelyke gezangen [3e ed., 1709, p. 260].


Codici articolo

Codice Copernicum:: COPERNICUM-5426971

Qualità del prodotto assicurata

La qualità di ogni oggetto in vendita su Copernicum è garantita dall'esperienza delle librerie professioniste venditrici che vi operano.

Paghi solo se il prodotto è disponibile

Può accadere che l'oggetto da te scelto non sia più disponibile: per questo potrai pagare solo dopo che la tua proposta d'acquisto sarà accettata.

Massima sicurezza nei pagamenti

Acquista in sicurezza tramite Paypal, Carta di Credito, Bonifico bancario o Contrassegno. Ogni transazione è protetta dal programma "Soddisfatti o Rimborsati, sempre"

Libri Consigliati da non perdere assolutamente