1929. PREDAPPIO IN 24 QUADRI

1929. PREDAPPIO IN 24 QUADRI - TEODORO WOLF-FERRARI - La Montanina + Cromolitografia Ettore Sormani

Descrizione

X93)

1929. PREDAPPIO IN 24 QUADRI

PREDAPPIO. VENTIQUATTRO QUADRI DEL PITTORE TEODORO WOLF-FERRARI

OPERA ITALIANA PRO ORIENTE

Milano, casa editrice “La Montanina”+ Cromolitografia Ettore Sormani, 1929. Cm. 30x21 orizzontale ad album, pp. 52, Indice + XXIV tavole litografiche a colori del pittore Wolf-Ferrari stampate al recto, copertina originale in cartoncino grigio con illustrazione xilo in turchino, nastrino in cotone d’epoca, vecchia gora diffusa al piatto anteriore e alle tavole, tracce d’uso.

Teodoro nacque dal pittore tedesco August Wolf e dall'italiana Emilia Ferrari, e fu fratello del musicista Ermanno Wolf Ferrari. Discepolo di Guglielmo Ciardi, Pietro Fragiacomo e Millo Bortoluzzi studiò all'Accademia di belle arti di Venezia. Nel 1896 si recò a Monaco di Baviera dove soggiornò per qualche anno e dove entrò in contatto con il gruppo Die Scholle (un movimento culturale aperto a influenze innovative e in aperto scontro con la tradizione), con lo Jugendstil e con la scuola di Vienna. Si apre così un periodo di continui viaggi tra Venezia e Monaco. Nel 1902 partecipa all'esposizione internazionale per le arti decorative di Torino con un dipinto e un progetto di vetrata. A Venezia nel 1904 partecipa al concorso per il Manifesto del Grand'Hotel d'Italia. Nel 1908 decora con Castagnaro e Genovesi il Caffè Santa Margherita e il salone del Grande Stabilimento Bagni al Lido di Venezia. Si lega al gruppo di ca' Pesaro di cui diventa uno degli esponenti più di spicco assieme a Vittorio Zecchin col quale collaborò nelle arti applicate e in particolare nel vetro per la ditta Barovier. A partire dal 1910 partecipa alle Esposizioni Capesarine (esporrà quasi ininterrottamente fino al 1939). A Ca' Pesaro espone anche una interessante mostra personale con 52 opere, che sarà trasferita a Stoccolma e Hannover nel 1913. Nel 1913 e nel 1915 partecipa alle mostre della Secessione Romana e nel 1912 e 1914 alla Biennale di Venezia, a cui parteciperà poi ininterrottamente dal 1920 al 1938. Nel 1919 fu tra i fondatori dell'Unione Giovani Artisti di Venezia. Nel 1924 venne inviato da Vittorio Emanuele III in Libia dove dipinse una serie di 32 opere a olio su soggetti coloniali. Tornato in Italia Wolf Ferrari dirada i viaggi e la partecipazione a esposizioni nazionali e internazionali trascorrendo il resto della sua vita tra Venezia e San Zenone degli Ezzelini, dedicandosi a dipingere paesaggi. Nel 1929 l’Opera Italiana Pro Oriente pubblica 24 cromolitografie riproducesti altrettante vedute di PREDAPPIO in omaggio al duce B.M.

È sepolto a Venezia, al cimitero monumentale di San Michele.


Codici articolo

Codice Copernicum:: COPERNICUM-5784230

Qualità del prodotto assicurata

La qualità di ogni oggetto in vendita su Copernicum è garantita dall'esperienza delle librerie professioniste venditrici che vi operano.

Paghi solo se il prodotto è disponibile

Può accadere che l'oggetto da te scelto non sia più disponibile: per questo potrai pagare solo dopo che la tua proposta d'acquisto sarà accettata.

Massima sicurezza nei pagamenti

Acquista in sicurezza tramite Paypal, Carta di Credito, Bonifico bancario o Contrassegno. Ogni transazione è protetta dal programma "Soddisfatti o Rimborsati, sempre"

Libri Consigliati da non perdere assolutamente