1672 - Bullarium romanum novissimum ab Alexandro VII usque ad S.mum D. N. Clementem X. Opus absolutissimus. Pp. Angelus a Lantusca, et Ioannes Paulus a Roma ... collegerunt ...  Tomus Sextus.

1672 - Bullarium romanum novissimum ab Alexandro VII usque ad S.mum D. N. Clementem X. Opus absolutissimus. Pp. Angelus a Lantusca, et Ioannes Paulus a Roma ... collegerunt ... Tomus Sextus. - Laerzio Cherubini - Ex Typographia Revenderae Camerae Apostolicae

Descrizione

Cherubini Laerzio, Cherubini Angelo Maria

Bullarium romanum novissimum ab Alexandro VII usque ad S.mum D. N. Clementem X. Opus absolutissimus. Pp. Angelus a Lantusca, et Ioannes Paulus a Roma ... collegerunt ...

Tomus Sextus.

 

Roma. Ex Typographia Revenderae Camerae Apostolicae, 1672

35 cm. [4], 499, [1]; [4], 54, [6] pp. Grande Stemma xil. di Papa Clemente X sul front. principale e su quello dell’Appendice. Capilettera ornati, fregi xil., Stemmi papali. Appendice con proprio frontespizio datato 1673. Rilegato in tutta pelle rigida. Dorso con nervi e tit. man. Prime due carte leggermente allentate. Canali di tarlo principalmente al margine bianco interno del volume. Qualche gora sparsa. Volume completo. Legatura solida.

Laerzio Cherubini o Laertius Cherobini (1556-1626) fu un avvocato penalista italiano e giureconsulto a Roma. È noto per la sua pubblicazione del primo Bullarium e per l'incarico della Morte della Vergine di Caravaggio per Santa Maria della Scala a Trastevere, Roma. Cherubini è nato a Norcia. Ha assunto la professione di avvocato, ma si è guadagnato la reputazione di magistrato civico e storico legale. Anche imprenditore, trattò prestiti con interessi garantiti sugli introiti degli uffici della Curia romana. Tra i suoi clienti c'era Ascanio Colonna, fratello della poetessa Vittoria Colonna. Fu deputato del governatore di Roma in cause civili, magistrato criminale a Viterbo e giudice secondo laterale nel Campidoglio. Nel 1586, Cherubini pubblicò una serie di tori papali dal tempo di Papa Leone I fino a Sisto V, il Bullarium, il collettivo Sectus diversarum Constitutionum multorum Pontificum. Nel 1588, Cherubini pubblicò una serie di trentadue divieti emessi da Mariano Pierbenedetti, governatore di Roma. Nel 1601 fu nominato Conservatore di Roma.  Fu anche un mecenate delle arti. Il 14 giugno 1601, commissionò a Caravaggio la pittura della sua morte della Vergine per la cappella di famiglia. Rifiutato dai padri della chiesa, il dipinto fu venduto, nel 1607, al duca di Mantova.


Codici articolo

Codice Copernicum:: COPERNICUM-5435637

Qualità del prodotto assicurata

La qualità di ogni oggetto in vendita su Copernicum è garantita dall'esperienza delle librerie professioniste venditrici che vi operano.

Paghi solo se il prodotto è disponibile

Può accadere che l'oggetto da te scelto non sia più disponibile: per questo potrai pagare solo dopo che la tua proposta d'acquisto sarà accettata.

Massima sicurezza nei pagamenti

Acquista in sicurezza tramite Paypal, Carta di Credito, Bonifico bancario o Contrassegno. Ogni transazione è protetta dal programma "Soddisfatti o Rimborsati, sempre"

Libri Consigliati da non perdere assolutamente