Il Fumetto

 

 

Pur affondando le proprie radici nel Medioevo con le sue miniature manoscritte, il fumetto vero è proprio è da considerarsi un fenomeno del Novecento, secolo in cui si è sviluppato e si è affermato.

Il fumetto, nato per gli adulti, diventato uno strumento di intrattenimento per l'infanzia e l'adolescenza, è successivamente tornato appannaggio primario degli adulti, diventando una vera e propria arte figurativa, detta “letteratura disegnata”. Arte che ha creato dei veri e propri miti sia nei propri autori che nelle loro creature quali Hugo Pratt con il suo Corto Maltese, Crepax con Valentina, Bonelli con Tex, e primo tra tutti ovviamente Walt Disney con Mickey Mouse e la Banda Disney. Il primo personaggio a fumetti della storia fu The Yellow Kid di R.F. Outcault, stampato il 16 febbraio 1896 sul New York World.

Ovviamente un fenomeno così diffuso non poteva non appassionare anche il mercato collezionistico, che alimenta nel mondo un mercato milionario, con punte da record. Ma quali sono i fumetti più costosi del mondo?

Il fumetto più caro in assoluto è senz'altro il primo numero di Action Comics, che vede il debutto di Superman. La sua quotazione attuale è di 1.390.000 dollari, ma nel 2011 una copia è stata venduta per 2,16 milioni di dollari. E pare che fosse la copia trafugata a Nicolas Cage.

 

 

Il secondo posto vede il debutto di un altro supereroe: Batman. Questo albo, il Detective Comics n°27 fu edito nel 1939, e la sua quotazione attuale

è di circa 1,38 milioni di dollari.

E in Italia? Il nostro fumetto più costoso è senz'altro il n°1 di Diabolik. Distribuito in pochissime copie alle edicole, si rivelò un mezzo flop e quindi ritirato per finire chissà dove. Il successo arrivò qualche mese più tardi, e partì la caccia al recupero dei numero uno, ma con scarso risultato. La quotazione attuale è di € 8.000 in condizioni perfette. L'ultima asta ha visto aggiudicare una copia in buone condizioni a € 5.000.

 

 

 

Scopri qui il mondo del Fumetto di Copernicum!

 

 

 

 

 

Libri correlati a questo articolo