Guida al Restauro di Libri Antichi

 


 

Questa guida, mirata al restauro di Libri Vecchi ed Antichi, nasce come un breve vademecum sull'argomento.
Per conoscere appieno tale pratica e portarla a termine correttamente senza danneggiare carte o rilegature, è necessaria una enorme esperienza “sul campo” ed un concreto bagaglio tecnico.
Il principale consiglio che vogliamo dare, è quello di rivolgersi sempre ad un professionista esperto.

Vogliamo comunque condividere alcune linee guida di base necessarie:

 


-Tipi di Colla, quali scegliere?

Ai fini di un corretto restauro, è necessario conoscere i materiali da utilizzare.
Nonostante sia tra le più conosciute e consigliate, la colla vinilica è assolutamente la più errata per il restauro.
Impiegando infatti questo collante andremo ad instaurare una reazione chimica che, oltre ad indurire le fibre in modo considerevole, sarà anche irreversibile.
Esistono numerose colle utilizzabili; ad esempio la “ colla di coniglio “, anticamente ricavata da questo animale ma ad oggi sintetica, risulta essere la migliore e la più consigliata per i restauri su supporto cartaceo.
Dal prezzo non elevato, garantisce una corretta stesura ed una reversibilità totale. 

 

 

 

 


-Fori di tarli o mancanze? Carta di Riso!

Questo materiale è ampiamente utilizzato per ricreare parti mancanti all'interno di supporti cartacei rovinati, come fori di tarlo o mancanze più o meno rilevanti.
La carta di riso viene venduta in fogli di varie dimensioni e grammature; è inoltre possibile utilizzare dei coloranti naturali per conferire al foglio la corretta tonalità del supporto da restaurare.
Per far aderire la carta di riso, ritagliata a misura del foro o della mancanza che andremo a coprire, è consigliata l'applicazione della “colla di coniglio” precedentemente citata.

 

-Come pulire i Libri Antichi in Pelle? Quali prodotti usare?

Sono presenti sul mercato numerosi prodotti per la pulizia di pelli e pergamene utilizzate per la coperta dei libri.
Il nostro consiglio in questa sezione è quello di utilizzare solo ed esclusivamente prodotti appositamente creati ai fini conservativi ed evitare utilizzo di creme o liquidi dozzinali ed inadatti ( ad esempio cere, prodotti a base di silicone, cera da scarpe etc. ) che inizialmente possono rivelarsi apparentemente efficaci ma col passare del tempo favorinanno la proliferazione di muffe o funghi.

Per quanto riguarda l'applicazione della crema conservativa, è necessario seguire alcune direttive:  

Si consiglia di inserire all'interno del piatto un foglio di carta assorbente che sarà utile per prevenire potenziali danni alle 

carte sottostanti dovuti alla fuoriuscita del prodotto in eccesso; applicare poi il prodotto e stenderlo delicatamente con un panno morbido e privo di peli, solo sulla parte in pelle, facendo attenzione a non toccare, qualora presente, la carta marmorizzata sui piatti. Sarà inoltre necessario rimuovere sempre gli esuberi di prodotto che possono comportare danni alla rilegatura.

 

 

 

 

 

 

Libro da trattare                 Libro Trattato        

 

-Come pulire le Pergamene antiche.


Analogamente ai libri antichi rilegati in pelle, anche la pergamena necessita per la propria cura di appositi prodotti creati appositamente per garantirne la conservazione.
Per la pulizia di questo materiale è necessario applicare il prodotto mediante piccoli dischetti di ovatta o batuffoli di cotone nei punti non riportanti scritte o sigilli in quanto questa operazione potrebbe ammorbidire gli inchiostri rovinandoli.
Una volta applicato il prodotto sarà necessario rimuoverne l'eccesso con l'ausilio di un batuffolo di cotone asciutto.
Consigliamo di non utilizzare troppa energia durante il processo di pulizia, onde evitare di rimuovere la patina di antichità che rende le nostre pergamene uniche.

 


-Pagine staccate, cosa fare?
 

Un altro problema frequente nel mondo dei libri è quello che chiamiamo in gergo “fogli volanti“ ovvero alcuni fogli staccati dalla rilegatura.

La cosa che sembrerebbe più immediata da fare sarebbe “rincollare“ la pagina al corpo del volume ma questo è assolutamente da evitare; utilizzando questa procedura, comprometteremmo il nostro prezioso libro esponendolo a rischi di rottura e precludendo futuri interventi di restauro.

Il corretto intervento, necessario ai fini conservativi, è la creazione di una nuova rilegatura; consigliamo pertanto di affidarsi ad un esperto e, per garantire l'integrità del volume non intervenire in alcun modo con metodi " fai da te" . Le pagine distaccate dovrebbero essere inserite all'interno di alcuni fogli di carta di riso e conservate separatamente dal volume. Infatti,  qualora le pagine venissero inserite nel libro, potrebbero rovinarsi in quanto non più protette dalla coperta.

 

 

Esempio di “ Fogli Volanti "         

 

-Dorso distaccato

Questa problematica è molto frequente e riguarda principalmente libri con dorso in pelle e pergamena.
Il dorso tende a staccarsi a seguito di una forte sollecitazione oppure il materiale da cui è ricavato si indebolisce a tal punto da staccarsi dai piatti.
L'inesperienza può suggerirci di rincollare con abbondante colla il dorso al corpo del volume ma tutto questo è assolutamente errato. Utilizzando questa procedura, compromettiamo irreparabilmente il libro danneggiandone non solo il dorso ma anche i suoi quaderni interni
Nel caso si verifichi questo danno, sarà necessario un complesso intervento di un esperto che risaldi il dorso alla coperta.

 

 

 

Esempio di Dorso Distaccato   

 

 

Il nostro staff è a tua completa disposizione per qualsiasi ulteriore informazione riguardo alle tecniche di restauro, contattaci alla mail info@copernicum.it